Con gli studenti, contro i manichini

Di pretesti, gente come i ministri che governano il Paese, ne hanno fin troppi per restringere le libertà civili, democratiche e comprimere i diritti. Non gliene avrei dati altri:...

Di pretesti, gente come i ministri che governano il Paese, ne hanno fin troppi per restringere le libertà civili, democratiche e comprimere i diritti.
Non gliene avrei dati altri: i manichini, gli studenti, potevano evitarseli…
Lasciate che la protesta popolare viaggi sulla critica ragionata e sulla passione civile e politica: non adattatela alla rabbia “di pancia”, al mostrare un odio che non vi deve appartenere.
All’odio e alla crudeltà di Stato rispondete con l’allegra unità della coscienze sociali.
Rispondente con intelligenza, mai con violenza.
C’è solo una violenza giustificabile nella storia e nel presente: quella di una rivoluzione. Ma deve essere, appunto, di massa. Non rappresentata da due manichini come segno di mero spregio.
Il ministro merita di più: merita di sapere che siete scesi in piazza non per saltare un giorno di scuola o odiarlo. Merita di sapere che siete coscienti delle sue politiche e di quelle del “suo” governo e che le contrastate coscientemente, appunto.
Questa è la migliore opera rivoluzionaria che potete fare oggi. Avere coscienza della torsione autoritaria che sta prendendo forma nelle istituzioni e rischia di strangolare la Repubblica.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...