Cittadino e partigiano del mondo

Diranno che era un sognatore, che era un rivoluzionario e che se l’è andata a cercare. Faranno di peggio: chiederanno per lui una preghiera quelli che sono contro l’Isis...
Lorenzo Orsetti con la bandiera anarchica

Diranno che era un sognatore, che era un rivoluzionario e che se l’è andata a cercare.

Faranno di peggio: chiederanno per lui una preghiera quelli che sono contro l’Isis solo perché è islamista ma che ne sono uguali sotto ogni altro aspetto fondamentalista.

Ma noi sappiamo: Lorenzo era soltanto un cittadino di un mondo che rifiutava di veder sprofondare nell’orrore dell’odio tra i popoli, sotto la dittatura del profitto e dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

La sua lotta contro il califfato nero era lotta contro ogni ingiustizia e crudeltà.

Per questo lo salutiamo con grande rispetto, con l’onore che merita e promettendogli che, ciascuno secondo le sue possibilità, questa lotta continuerà.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...