Brutto e bello convivono?

La commistione di fatti opposti è in qualche modo terribile e affascinante. Terribile perché in questo frangente temporale i ladri di appartamento e di pizzeria abbondano. Pare che la...

La commistione di fatti opposti è in qualche modo terribile e affascinante. Terribile perché in questo frangente temporale i ladri di appartamento e di pizzeria abbondano. Pare che la soluzione sia imitare il Far West e dotarsi di armi e controbattere così alla criminalità.
C’è chi propone più militari per le strade, chi più vigili di quartiere e chi dalla televisione esagita gli animi ogni sera con formule azzeccate e irrise persino da Maurizio Crozza con triste e vera serietà di satira.
Queste le notizie più terribili, senza contare la discesa dei nordisti a Napoli.
Nello stesso momento, i giornali riportano la felice notizia di una magistratura che è sempre più progressista nell’interpretazione della Legge: due coppie gay hanno ottenuto di poter adottare dei figli. E’ la prima volta in Italia e segue al riconoscimento di paternità di alcuni giorni or sono.
Brutto e bello convivono? Ci piace pensare che si tratti di un mero incontro occasionale e che il brutto, domani, sia già nel carro della spazzatura ma non dell’oblio.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...