Avanzamento

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio” al Paese.

Il meno peggio non conduce al “meglio”, ma soltanto a quello: al “meno peggio”.

Più avanzo nel tempo, più mi rendo conto che davvero sarebbe facilissimo rovesciare questo sistema economico che brutalizza le nostre vite, violenta la natura e fa di ogni cosa ed esistenza una merce.

Sarebbe facilissimo se non ci facessimo prendere dalla rete (in tutti i sensi… anche quella internettiana, anche quella televisiva…) del “possibile”, considerando le proposte più esigenti come forma di audacia e spavalderia, come impresa utopica, donchisciottesca.

Forse la psicoanalisi può spiegare tutto ciò al singolare. Magari l’antropologia può farlo al plurale e dirci che le masse sono per lo più rivoluzionarie per convenienza e non per principio di coscienza dettato dalla necessità e dal bisogno.

Le rivoluzioni che facciamo sono quelle che accontentano tutti nel nome della felicità, dell’amore, della democrazia.

Tre concetti usati e abusati d qualunque parte sociale e politica. Ma più di tutto abusati da chi segue la corrente e cerca il mare aperto, dove nuotano anche i pescecani, ma dove, in fondo, ci sono meno impicci, meno scogli, meno vive tortuose.

Psicologicamente è comprensibile. Intellettualmente è disdicevole. Politicamente è una aberrazione.

(m.s.)

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...