Avanzamento

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio” al Paese.

Il meno peggio non conduce al “meglio”, ma soltanto a quello: al “meno peggio”.

Più avanzo nel tempo, più mi rendo conto che davvero sarebbe facilissimo rovesciare questo sistema economico che brutalizza le nostre vite, violenta la natura e fa di ogni cosa ed esistenza una merce.

Sarebbe facilissimo se non ci facessimo prendere dalla rete (in tutti i sensi… anche quella internettiana, anche quella televisiva…) del “possibile”, considerando le proposte più esigenti come forma di audacia e spavalderia, come impresa utopica, donchisciottesca.

Forse la psicoanalisi può spiegare tutto ciò al singolare. Magari l’antropologia può farlo al plurale e dirci che le masse sono per lo più rivoluzionarie per convenienza e non per principio di coscienza dettato dalla necessità e dal bisogno.

Le rivoluzioni che facciamo sono quelle che accontentano tutti nel nome della felicità, dell’amore, della democrazia.

Tre concetti usati e abusati d qualunque parte sociale e politica. Ma più di tutto abusati da chi segue la corrente e cerca il mare aperto, dove nuotano anche i pescecani, ma dove, in fondo, ci sono meno impicci, meno scogli, meno vive tortuose.

Psicologicamente è comprensibile. Intellettualmente è disdicevole. Politicamente è una aberrazione.

(m.s.)

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...