Vi supplico

Per favore, non ditemi che bisogna ricostruire il centrosinistra… Le condizioni aberranti delle politiche liberiste sono responsabilità di una sinistra che ha imitato il centro ed era assetata di...

Per favore, non ditemi che bisogna ricostruire il centrosinistra… Le condizioni aberranti delle politiche liberiste sono responsabilità di una sinistra che ha imitato il centro ed era assetata di governismo.

Così facendo ha distrutto la connessione composta di valori riconoscibili che legava progressismo a moderno sfruttamento.

Così facendo ha sfibrato ogni resistenza all’avanzare di quelle destre che dice di voler combattere mente i lavoratori muoiono a centinaia ogni anno per leggi sulla sicurezza disattese, per disperazione, per tutti quegli effetti “secondari“, giudicati non direttamente riconducibili alle rivendicazioni sociali: stanchezza, ansia, depressione, panico.

Non ditemi che per salvare la democrazia serve il centrosinistra, perché se oggi il sovranismo si mostra in tutta la sua spavalda prepotenza è grazie al vuoto sociale che si è creato scientemente in campo sindacale, politico ed economico.

O sinistra di classe o nessuna sinistra.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...