Strano centrosinistra…

Troppi pugni chiusi alzati da chi resta nel PD con eleganza anglosassone. Troppe note di “Bandiera rossa” da chi chiede al ministro Lotti di fare un passo indietro (peraltro...

Troppi pugni chiusi alzati da chi resta nel PD con eleganza anglosassone. Troppe note di “Bandiera rossa” da chi chiede al ministro Lotti di fare un passo indietro (peraltro giusta richiesta, del tutto condivisibile) ma poi si dichiara pronto a sostenere il governo, perché “deve andare avanti”.
Un senso del dovere ineccepibile: ci si scinde dal PD per diventare alleato se non del PD, almeno del suo governo. Una coerenza fondata su cosa? Sui programmi? Sulle prospettive? Sembra piuttosto fondata sulla contingenza irreale dei fatti: si afferma che la gestione ambivalente PD – governo è stata una delle ragioni della rottura, dovuta alla monocrazia renziana, poi, conseguentemente, si appoggia l’esecutivo che è fotocopia ed emanazione del precedente.
Strano centrosinistra quello che vorrebbe ricostruire sé stesso partendo da ciò che lo ha affossato: il progetto della grande anomalia italiana, il PD.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...