Soumayla

Soumeyla era un sindacalista. Di colore. Un sindacalista bracciante. Un sindacalista migrante. Un sindacalista che è stato ucciso perché ha aiutato degli schiavi moderni a prendere quattro lamiere per...

Soumeyla era un sindacalista. Di colore. Un sindacalista bracciante. Un sindacalista migrante. Un sindacalista che è stato ucciso perché ha aiutato degli schiavi moderni a prendere quattro lamiere per rinforzare le catapecchie in cui vivono. In cui sopravvivono… sfruttati beceramente dagli italiani.
La pacchia. Eccola la “Condizione di vita, o di lavoro, facile e spensierata, particolarmente conveniente, senza fatiche o problemi, senza preoccupazioni materiali; anche, l’avere da mangiare e bere in abbondanza”, così la definisce perfettamente il Dizionario Treccani della Lingua Italiana.
Questo è ancora il tempo, lungo, della verità che dovrebbe essere rivoluzionaria davanti ad un utilizzo così spregiudicato e becero delle parole per associarle esattamente al loro contrario.
Questo sarebbe il tempo, anche lungo, della verità che dovrebbe essere rivoluzionaria.
Ma la verità è più che mai oggi soggettiva, labile, immateriale, non associabile all’evidenza dei fatti.
Verità e realtà sono divergenti, per questo un giovane sindacalista di colore e migrante può essere barbaramente assassinato per aver preso due lamiere che non appartenevano più a nessuno.
Sia sacra la proprietà privata! Sia sacra l’italianità della proprietà!
La messa è finita, dopo aver sparato, pregate pure in pace.

(m.s.)

foto tratta dalla pagina Facebook di Simone Ciabattoni

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...