Soumayla

Soumeyla era un sindacalista. Di colore. Un sindacalista bracciante. Un sindacalista migrante. Un sindacalista che è stato ucciso perché ha aiutato degli schiavi moderni a prendere quattro lamiere per...

Soumeyla era un sindacalista. Di colore. Un sindacalista bracciante. Un sindacalista migrante. Un sindacalista che è stato ucciso perché ha aiutato degli schiavi moderni a prendere quattro lamiere per rinforzare le catapecchie in cui vivono. In cui sopravvivono… sfruttati beceramente dagli italiani.
La pacchia. Eccola la “Condizione di vita, o di lavoro, facile e spensierata, particolarmente conveniente, senza fatiche o problemi, senza preoccupazioni materiali; anche, l’avere da mangiare e bere in abbondanza”, così la definisce perfettamente il Dizionario Treccani della Lingua Italiana.
Questo è ancora il tempo, lungo, della verità che dovrebbe essere rivoluzionaria davanti ad un utilizzo così spregiudicato e becero delle parole per associarle esattamente al loro contrario.
Questo sarebbe il tempo, anche lungo, della verità che dovrebbe essere rivoluzionaria.
Ma la verità è più che mai oggi soggettiva, labile, immateriale, non associabile all’evidenza dei fatti.
Verità e realtà sono divergenti, per questo un giovane sindacalista di colore e migrante può essere barbaramente assassinato per aver preso due lamiere che non appartenevano più a nessuno.
Sia sacra la proprietà privata! Sia sacra l’italianità della proprietà!
La messa è finita, dopo aver sparato, pregate pure in pace.

(m.s.)

foto tratta dalla pagina Facebook di Simone Ciabattoni

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...