Rispetto. A cosa? Per chi?

Respect. Rispetto. Così si chiamava una coalizione di sinistra di alternativa. Il rispetto non è autoritarismo, dominazione, imposizione, dito puntato contro qualcuno per accusarlo di essere “irrispettoso”. Il rispetto...

Respect. Rispetto.
Così si chiamava una coalizione di sinistra di alternativa.
Il rispetto non è autoritarismo, dominazione, imposizione, dito puntato contro qualcuno per accusarlo di essere “irrispettoso”.
Il rispetto è spontaneità, è libertario per natura, è anarchico o non è.
Il rispetto è partecipazione all’armonia di una, per ora, improbabile (ma non impossibile) vita umana globale.
Il rispetto è l’equilibrio su cui poggia la libertà dei rapporti personali con quelli personali di altri.
Liberiamoci dalla libertà come feticcio da invocare ed esibire a sé stante.
Cerchiamo invece di realizzarla attraverso il rispetto che è svincolo dalla schiavitù tra capitale e lavoro, slacciamento dei rapporti di dipendenza di qualunque tipo, emancipazione personale nel contesto sociale.
Il rispetto è libertario e per questo è anche costituzionale: costituente dell’individuo nel suo essere cittadino (giacobinamente inteso).
Il rispetto è verità: ogni parola rispettata è un significante che ha un significato in sé stessa e che non assume le ambigue e perfette fattezze dell’ipocrisia di una inflazione delle dicerie, così amplificate da tante bocche “tanto per dire”, per inserirsi nel contesto del coro e sentirsi meno soli.
Il rispetto manca. E’ assente dalle nostre vite. La pre-potenza ci anima, ci gestisce, ci ispira e ci maledice: dice male di noi che vorremmo in buona fede (santa, rara buona fede!) vivere senza far del male, ed invece ne facciamo. Anche, soprattutto inconsapevolmente.
Manca il rispetto perché manca la coscienza sociale, critica: quella che ti fa pensare e non semplicemente contemplare il mondo aspettando che qualche demiurgo arrivi e gestisca il tutto dall’alto.
Il rispetto manca e riconquistarlo a noi stessi è gesto rivoluzionario.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...