Prima la cattiveria italiana!

Ai migranti che sono in sciopero della fame, il ministro dell’Interno della Repubblica Italiana, manda a dire, testuale: “Pazzesco. Da ieri mattina, nel Centro di Permanenza per i Rimpatri...

Ai migranti che sono in sciopero della fame, il ministro dell’Interno della Repubblica Italiana, manda a dire, testuale:

Pazzesco.
Da ieri mattina, nel Centro di Permanenza per i Rimpatri di Pian Del Lago (Caltanissetta), 72 “ospiti” (18 dei quali, tunisini, verranno rispediti a casa in giornata) stanno facendo lo sciopero della fame come segno di protesta contro il loro trattenimento presso la struttura…
Peggio per loro se rifiutano di mangiare, vorrà dire che risparmiamo un po’ di soldi prima di espellerli“.

Invece di cercare di capire i motivi di questa protesta (cosa elementare, che un ministro dovrebbe fare d’ufficio), il ministro adopera una ironia crudele a cui avrà abituato anche larga parte del popolo italiano, ma purtroppo per lui alcuni italiani non si rassegnano.

Il peggiore liberale d’un tempo, il peggiore liberista di questi ultimi anni, non avrebbe mai usato toni simili ricoprendo la carica di ministro. Ciò è certamente demoralizzante, prima di tutto per l’Italia che appare sempre più brutta, incrudelita, acida e piena di rancori, pregiudizi e fobie.

Mette angoscia un Paese intriso di sentimenti così ostili, negativi e respingenti.

La cattiveria è all’ordine del giorno.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Strade separate

    Dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso, il liberismo nasce, cresce e si espande sulla base dell’assunto per cui sempre meno deve essere lo spazio dato allo Stato...
  • Una vergogna nazionale

    La Resistenza è stata un’enormità, una lotta di popolo, un capovolgimento storico, persino rivoluzionario e non potrà mai essere vilipesa da un accomodamento utilitaristico di qualche centinaia di migliaia...
  • Dall’alto in basso

    Sostiene il Papa che le giovani coppie italiane sono più propense a vivere con cani e gatti piuttosto che a fare figli. Sostiene la diocesi di Albenga della Chiesa...
  • Serena rassegnazione

    Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel...