Non basta dirsi comunisti o genericamente “di sinistra”

Sempre più mi convinco che occorre ricreare una domanda di sinistra e che questa deve essere il centro del lavoro dei comunisti per non fermarsi alla ricostruzione di una...

Sempre più mi convinco che occorre ricreare una domanda di sinistra e che questa deve essere il centro del lavoro dei comunisti per non fermarsi alla ricostruzione di una sinistra indistinta ma di un nuovo blocco sociale cosciente di essere, in vari modi, sfruttato.
Per questo non basta una semplice sinistra ma serve una forza comunista e libertaria che, con un lungo lavoro anche culturale – interno ed esterno – torni a proporsi come rappresentante naturale del malessere sociale, della disperazione di milioni di poveri, precari, disoccupati e lavoratori di tutti i luoghi di produzione.
Pensare a come si vive è l’unico modo per poter un giorno vivere nel modo dignitoso a cui sempre si pensa.

Penso che anzitutto si debbano alfabetizzare le compagne e i compagni e renderli pienamente consapevoli di cosa è un partito comunista, di come funziona un partito e del perché siamo comunisti.
Molte compagne e molti compagni fanno parte del Partito ma temo non siano al corrente di cosa vogliamo sia in lungo che medio termine.
Rendere, culturalmente e quindi politicamente, nuovamente attuale il programma dell’espropriazione degli espropriatori, quindi far rinascere coscienza e odio di classe deve essere un obiettivo necessario.
Senza consapevolezza degli obiettivi non c’è neppure passione per i medesimi. Non c’è sincera lotta politica.
Poi occorre, nel contingente, lavorare per unire la sinistra di alternativa dove i comunisti esercitino un ruolo forte che influenzi i programmi minimi.
Nessuna ricetta è immediata e magica.
Ma da queste mosse bisogna partire. Necessariamente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...