Nel nome di Antonio

Su un giornale stamane ho letto: “Era un eroe”. Odio la retorica del piagnisteo che ogni volta si insinua tra le pieghe del dolore vero. La retorica dei mezzi...

Su un giornale stamane ho letto: “Era un eroe”.

Odio la retorica del piagnisteo che ogni volta si insinua tra le pieghe del dolore vero. La retorica dei mezzi di comunicazione di massa, delle televisioni e della rete, ma anche la retorica prepotente di chi al bar, sull’autobus o nella sala d’attesa del dottore dice: “Era un eroe”.

Nessuno vuole diventare eroe se non un folle accecato da una visione militarista o terrorista del mondo. Sempre di uso di armi si tratta. Sempre di caccia a qualcuno si tratta. Sempre di uccidere si tratta. Certo, ci sono i “buoni” e i “cattivi”. Ma la divisione non è poi così sempre semplice e facile da mettere in pratica.

Non dite che Antonio era un eroe. Era un giovane giornalista che nemmeno aveva compiuto 30 anni. Un criminale, nella sua lucida follia, ha incrociato i destini di entrambi con una pallottola che non ha lasciato scampo al nostro connazionale.

Non dite che Antonio era un eroe. Era un uomo che sognava, anche lui come noi, a suo modo un mondo migliore, una Europa forse un po’ diversa da quella in cui viviamo.

Non dite che era un eroe. Era un giovane che è morto a causa della crudeltà e dell’odio che quelli che aspirano a diventare “eroi” spesso perseguono.

Del resto dovrebbe essere nota la frase di Bertolt Brecht: “Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi“. Maledetti i popoli che hanno bisogno di eserciti e nemici per dirsi tali…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...