Liberamente ignoranti

A Roma la targa in ricordo di Giacomo Matteotti è stata mandata in frantumi. A Vicenza i naziskin chiedono la messa al bando dell’ANPI e un processo per tutti...

A Roma la targa in ricordo di Giacomo Matteotti è stata mandata in frantumi. A Vicenza i naziskin chiedono la messa al bando dell’ANPI e un processo per tutti i partigiani.
Ciò che scandalizza non è un pezzo di marmo rotto o una richiesta: ciò che scandalizza è che si possa rompere un pezzo di marmo con sopra il nome di Giacomo Matteotti e che ci si permetta, con una sfacciataggine indegna, di chiedere di processare la verità storica, la verità costituzionale su cui si fonda la nostra Repubblica, la nostra libertà.
Che ciò possa avvenire è anche libertà di espressione, ma forse anche alla libertà c’è un limite se chi la esercita in nome della medesima la schiaccerebbe un secondo dopo in nome dell’autoritarismo per tutti.

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...