Lavorare meno, lavorare tutti!

C’è chi lavora troppo e chi non lavora per niente: precarietà e disoccupazione da un lato, iper-professionalità dall’altro. Come se i precari e i disoccupati non fossero magari degli...

C’è chi lavora troppo e chi non lavora per niente: precarietà e disoccupazione da un lato, iper-professionalità dall’altro. Come se i precari e i disoccupati non fossero magari degli specializzati in potenza, impotenti a dire il vero.
Questa contrapposizione che viene fatta oggi dai giornali e dai maggiori siti Internet di informazione è fuorviante: fa pensare ad un mondo di precari privi di competenze, di capacità da impiegare in lavori che non siano solamente quelli pagati ad ore con i voucher.
Per questo va rilanciata una grande battaglia: la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario. Una drastica riduzione dell’orario di lavoro. Perché avevamo ragione quando abbiamo decenni fa detto che bisognava “lavorare meno e lavorare tutti”.
Ci denigrarono, ci accusarono di voler far crollare il sistema delle imprese. Sarebbe stato un bene se fosse crollato!
Non è crollato. Ha proseguito nel produrre politiche di protezione dei profitti e delle speculazioni finanziarie e questi sono i risultati oggi: uno squilibrio incredibile tra il monte ore di lavoro di alcuni e il piano livellato, la tabula rasa del nulla in tema di lavoro per moltissimi altri.
Ripetiamolo, dunque, come elemento programmatico fondante di una nuova sinistra di alternativa: “lavorare meno, lavorare tutti!”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...