L’arte del mondiale

Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese… Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga...

Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese…
Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga anestetizzante le coscienze.
Ma se si guardano con con distacco critico, con la voglia di vedere delle belle prodezze sul campo, i mondiali di calcio sono uno spettacolo davvero affascinante.
Lo dico da profano della materia, da inconoscitore della maggioranza delle regole e dei nomi dei giocatori.
Lo dico con la consapevolezza dello spettatore che sa comunque riconoscere nella tripletta di goals che Ronaldo ha regalato al Portogallo ieri una bellezza artistica. Come se si fosse davanti ad un quadro di Picasso, di Rembrandt… o ad una scultura di Michelangelo.
Quando il calcio sublima sé stesso così, diventa arte. Ed è veramente una gioia vedere la palla entrare nella rete!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...