La preoccupazione

Chi l’avrebbe mai detto che avrei applaudito Silvio Berlusconi. M’era già accaduto mesi fa con Mara Carfagna quando, presiedendo una seduta della Camera dei Deputati aveva rimbrottato il ministro...

Chi l’avrebbe mai detto che avrei applaudito Silvio Berlusconi. M’era già accaduto mesi fa con Mara Carfagna quando, presiedendo una seduta della Camera dei Deputati aveva rimbrottato il ministro dell’Interno.

Oggi mi accade nuovamente, questa volta col capo di Forza Italia.

Poi leggo che Stefania Prestigiacomo è salita sulla Sea Watch 3 con Nicola Fratoianni e Riccardo Magi. Tre deputati profondamente differenti tra loro per idee e visione anche del mondo che aprono una breccia nell’inumanità crescente e al potere.

Non mi preoccupo degli applausi metaforici che ho pensato per Berlusconi: scaramucce politiche tra Forza Italia e Lega valgono bene una affermazione pro-migranti (salvo precisare subito dopo che 600.000 clandestini presenti nel Paese andrebbero rispediti a casa loro).

Mi preoccupo per Forza Italia: rischia di trovarsi presto nel “campo progressista” se continua così…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...