Kubrick, coscienza dell’umanità

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza. La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca...

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza.

La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca del medesimo in “2001, Odissea nello spazio”… come è già lontano quel 2001 in cui capitò di tutto: crollarono le torri, iniziarono altre guerre.

Una ennesima sconfitta per quell’umanità che non riesce a non tendere all’autodistruzione, divorata dal potere del profitto e anche dal profitto del potere.

La storia continua, con o senza umanità: anzi, sarebbe meglio dire che l’esistenza della materia continua.

Kubrick ha colto la complessità dello sviluppo più articolato della materia: l’essere umano. Un capolavoro di casualità nel mistero dell’universo. Un capolavoro così bello e così capace di distruggere sé stesso e la natura che lo circonda.

Kubrick ci è necessario, per sopravvivere coscienziosamente all’incoscienza dilagante.

(m.s.)

Rivediamolo, rileggiamone la vita e le opere su Corso Cinema: Prima parteSeconda parteTerza parte

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...