Il silenzio di Bersani

La Corte Costituzionale rinvia l’esame sulla legge elettorale nota come “Italicum”. E’ un bene, è un male? Dipende dai punti di vista che ognuno di noi ha in merito...

La Corte Costituzionale rinvia l’esame sulla legge elettorale nota come “Italicum”. E’ un bene, è un male? Dipende dai punti di vista che ognuno di noi ha in merito tanto alla nuova norma in esame presso la Consulta quanto in merito al referendum che si terrà tra qualche mese e la cui data di svolgimento è un mistero, visto che il governo non si decide a fissarla.
Fissarla, appunto, vuol dire mettere in essere un percorso e quindi una strategia per provare a vincere e ottenere un consenso vasto su una controriforma che stravolge la Costituzione.
Quindi, dal mio punto di vista, il rinvio della sentenza della Consulta sull’Italicum è un peggiorativo: non un male, ma un peso che va a mettersi sulla parte della bilancia che pende in favore della propaganda governativa.
Ciò che si può ancora accettare è la volontà della Consulta. Ciò che si fa davvero fatica ad accettare è la posizione di Bersani: “Non darò indicazioni di voto. Gli italiani devono essere sereni davanti a questa scelta”.
Che strano, non avere una idea da esporre e da confrontare, tutto ad un tratto, diventa l’unico modo per distribuire serenità a piene mani. Davvero curioso, strano e insolito.
Tacere, dunque. Ma forse è un tacere a posteriori. Citiamo: “Un bel tacer non fu mai scritto”. A volte, per far più bella figura è meglio anticipare il silenzio…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...