Il rifiuto di ogni arma

“Bisogna trovarsi in certe situazioni prima di parlare!”. L’ho sentito dire mille volte e altre mille volte ho ribattuto: quand’anche mi trovassi nella situazione di essere assalito da un...

“Bisogna trovarsi in certe situazioni prima di parlare!”.
L’ho sentito dire mille volte e altre mille volte ho ribattuto: quand’anche mi trovassi nella situazione di essere assalito da un ladro, rifiutando per obiezione di coscienza di portare qualunque arma, rifiutandomi in vita mia di maneggiare qualunque pistola, fucile o altro mezzo di morte, darei lui quel che vuole. Opporrei resistenza nei limiti del possibile e, soprattutto, evitando di nuocere a terzi.
Non riuscirei a sparare nemmeno se lo volessi. E non invidio chi ci riesce. Non lo invidio per niente.
Posso capire la rabbia, la frustrazione, ma non capisco il Far West, la giustizia fatta dal singolo, con un fucile in mano.
Siamo fuori dallo Stato di diritto: siamo dentro alla barbarie.
Non penso che rifiutarsi di possedere un’arma sia un incentivo al furto. Penso che nonostante i colpi di fucile, la giustizia non trionfi ed, invece, stramazzi al suolo come il cadavere di un rapinatore.
Come la coscienza di un uomo che poche ore prima dormiva o vegliava nel suo letto e poche ore dopo aveva esploso i colpi che hanno cambiato la vita a molte persone, da entrambe le parti.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • La vittima (quale?)

    Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...
  • Ma intanto sono muti…

    Dunque pare deciso: le acque radioattive usate per raffreddare la centrale nipponica di Fukushima saranno riversate nell’Oceano Pacifico. Secondo il governo di Tokyo è la migliore soluzione possibile: i...