Grazie, cavaliere…

Silvio Berlusconi si ricandida alle elezioni. Quelle europee questa volta. Lo fa “per senso di responsabilità”. Grazie di esistere… verrebbe da dire. Ma Berlusconi dà un motivo in più...
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi si ricandida alle elezioni. Quelle europee questa volta. Lo fa “per senso di responsabilità”. Grazie di esistere… verrebbe da dire.

Ma Berlusconi dà un motivo in più per levarsi il cappello e inchinarsi a tanta bontà e sensibilità istituzionale e civica: riconosce a noi comunisti d’essere pericolosi tanto quanto il governo attuale (e qui potremmo obiettare che con l’età avanza anche un po’ la miopia… politica) ma, ecco il colpo di genio!, poi ci dà quel che ci tocca: noi non eravamo “inesperti” come questi signori d’oggi.

Eravamo pericolosi, temibili bolscevichi che gli facevano comodo per spaventare la gente e farla pensare alla miseria dei popoli dell’Est Europa, ma eravamo almeno “esperti”, capaci. Insomma, venivamo da una storia che aveva dimostrato che non ci improvvisavamo politici e “uomini di Stato”.

Grazie cavaliere, grazie di esistere… (Cosa tocca dire e pensare per sopportare il peggio del peggio…).

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...