Doccia fredda per la riforma Madia (e per il governo)

La riforma della pubblica amministrazione fatta dal ministro Madia è stata bocciata dalla Corte Costituzionale. Quando la riforma che dovrebbe organizzare l’attività dei rapporti tra Stato e Regioni viene...

La riforma della pubblica amministrazione fatta dal ministro Madia è stata bocciata dalla Corte Costituzionale.
Quando la riforma che dovrebbe organizzare l’attività dei rapporti tra Stato e Regioni viene espunta dall’ordinamento legislativo italiano e dichiarata incostituzionale, si presume che il governo che l’ha fatta o non conosce appieno la Costituzione, ed allora è incappato in qualche clamoroso scivolone, oppure ha provato a sfidare l’equilibrio dei poteri. E allora è un governo esso stesso illegittimo, come, del resto, l’attuale Parlamento. Con il quale si vuole sovvertire la Repubblica e cambiare la Costituzione stessa.
Che dite, è anche questo un motivo sufficiente per dire NO il 4 dicembre o servono altre prove ancora per smascherare la nudità del sovrano?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...