Dall’impossibile al possibile

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo,...

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo, speculare rispetto alle proprie politiche, non necessitante di alcuna alleanza per vincere le elezioni, si è passati alla certezza, questa sì granitica, della formazione di una specie di coalizione che si mostri un po’ centrista e un po’ di sinistra.
Hocus pocus, un po’ di magia di qualche “pontiere”, che giura cambiamenti in merito allo Ius soli e al sacralissimo Jobs act, ed ecco che si materializza la possibilità di avere al fianco una lista con Pisapia, radicali, Verdi e socialisti. Laici, ecologisti che si dimenticano le tante politiche poco ecologiche fatte dai governi del PD in questi anni e l’appoggio dei “compagni” di strada attuali, eredi microbici del vecchio PSI.
Insomma, un percorso contrario a quello di chi veramente vuole tentare di cambiare anche minimamente la società: “dal possibile all’impossibile” si trasforma nel “dall’impossibile al possibile”.
Così, una certa speranza di poter gareggiare alla pari con centrodestra e Cinquestelle può esserci e, del resto, siccome ora tutto è possibile nel PD, Orlando interviene e afferma che “non esiste nessun automatismo sulla eventuale candidatura di Renzi per una nuova conferma a Palazzo Chigi. Se ne parlerà”.
Il mondo del “possibile” è così…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...