Dall’impossibile al possibile

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo,...

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo, speculare rispetto alle proprie politiche, non necessitante di alcuna alleanza per vincere le elezioni, si è passati alla certezza, questa sì granitica, della formazione di una specie di coalizione che si mostri un po’ centrista e un po’ di sinistra.
Hocus pocus, un po’ di magia di qualche “pontiere”, che giura cambiamenti in merito allo Ius soli e al sacralissimo Jobs act, ed ecco che si materializza la possibilità di avere al fianco una lista con Pisapia, radicali, Verdi e socialisti. Laici, ecologisti che si dimenticano le tante politiche poco ecologiche fatte dai governi del PD in questi anni e l’appoggio dei “compagni” di strada attuali, eredi microbici del vecchio PSI.
Insomma, un percorso contrario a quello di chi veramente vuole tentare di cambiare anche minimamente la società: “dal possibile all’impossibile” si trasforma nel “dall’impossibile al possibile”.
Così, una certa speranza di poter gareggiare alla pari con centrodestra e Cinquestelle può esserci e, del resto, siccome ora tutto è possibile nel PD, Orlando interviene e afferma che “non esiste nessun automatismo sulla eventuale candidatura di Renzi per una nuova conferma a Palazzo Chigi. Se ne parlerà”.
Il mondo del “possibile” è così…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Covid all’arancia

    Arancioni fuori, neri dentro. I tratti dei “forconi” da un lato, le presenze neofasciste dall’altro. Movimenti popolari: una ventina, dicono. Uniti, federati dietro lo striscione “Politici ladroni a casa!“....
  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...