Contrarietà sostanziale

Io non sono contrario al referendum sulla riforma costituzionale per pregiudizio verso Renzi o il suo governo. Penso che sia una riforma che svilisce la democrazia repubblicana cancellando quel...

Io non sono contrario al referendum sulla riforma costituzionale per pregiudizio verso Renzi o il suo governo.
Penso che sia una riforma che svilisce la democrazia repubblicana cancellando quel necessario bicameralismo perfetto che, fino a prova contraria, è stata una delle più importanti intuizioni di protezione dell’autonomia parlamentare rispetto all’esecutivo.
La formazione delle leggi non è un giochetto da semplificare eliminando una istituzione che esiste da più di tremila anni.
Un paragone improprio? Ditelo alla Serracchiani che tira in ballo Berlinguer, Ingrao e persino le proposte di riforme del PCI e del PDS per giustificare un tentativo di instaurazione di una repubblica semipresidenziale al posto di quella attuale parlamentare.
Questo è uno dei motivi per cui voterò ed inviterò a votare NO al referendum di ottobre.
E se ce ne fosse bisogno d’altri, anche per permettere a Renzi e Boschi di mantenere le loro promesse e mandarsi a casa insieme ad un governo di liberisti e privatisti che fa gli interessi dei grandi finanzieri e maltratta la povera gente.

(m.s.)

26 maggio 2016

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...