Con Nicoletta

Lo so, “La legge è legge”, “L’ignoranza della legge non è una scusa”, “La legge è dura ma è la legge”. E forse anche per questo, a mio tempo,...

Lo so, “La legge è legge”, “L’ignoranza della legge non è una scusa”, “La legge è dura ma è la legge”.
E forse anche per questo, a mio tempo, non ho preso la laurea in giurisprudenza. Sentivo e sento una sorta di prurito quando qualcuno, tanto più se è un potere, vuole obbligarmi a fare qualcosa che ritengo ingiusto.
Più di tutto lo sento quando questa ingiustizia si riversa sulla collettività. Su di me posso ancora “gestirla” su un piano psicologico e combatterla su un piano sociale e politico.
E per questo che oggi, nel leggere le motivazioni che hanno condotto all’arresto di Nicoletta Dosio (“…l’entità del numero e della frequenza delle violazioni, le quali evidenziano una personalità estremamente negativa, intollerante delle regole e totalmente priva del minimo spirito collaborativo…”) mi sento più anarchico che comunista.
Anzi, mi sento quello che dico d’essere quando mi si chiede necessariamente una etichetta da appiccicarmi addosso: sono un comunista libertario che non ama la forma dello Stato come fenomeno da conservare ma da far deperire, da consumare nelle menti e nella percezione comune che sia imprescindibilmente necessaria per la nostra vita.
E poi, ditemi: ma Nicoletta, che non ha fatto niente di male a nessuno, che non ha rubato o ucciso, perché dovrebbe essere “collaborativa” con un potere che le vuole togliere la libertà di esprimere le sue idee e di partecipare con la sua gente della Valle ad una lotta sacrosanta?
Ammiro Nicoletta, perché io non credo che avrei il suo coraggio e vorrei tanto che un giorno mi insegnasse ad averlo.
Un bacio, Nico! Sono con te con il mio cuore e la mia mente.

(m.s.)

foto tratta dal profilo Facebook di Nicoletta Dosio

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...