Ceti scolastici

Sbalorditiva la notizia di una scuola pubblica romana dove, nella presentazione della medesima, si dividono per “classi sociali” gli alunni nei due plessi che la compongono. Da una parte...

Sbalorditiva la notizia di una scuola pubblica romana dove, nella presentazione della medesima, si dividono per “classi sociali” gli alunni nei due plessi che la compongono.

Da una parte i figli della buona borghesia “di ceto medio alto” e dall’altro i proletari e tutti coloro che non sono di nazionalità italiana.

Indecente, immorale, degno di una società veramente torbida nel riconoscere l’esigenza del raggiungimento dell’uguaglianza ad iniziare dal farla gustare ai giovani fin dai loro primi passi nel mondo della conoscenza e della vita sociale.

Ma io trovo sconcertante anche la risposta della ministra Lucia Azzolina che scrive su Twitter: “La scuola dovrebbe sempre operare per favorire l’inclusione. Descrivere e pubblicare la propria popolazione scolastica per censo non ha senso. Mi auguro che l’istituto romano di cui ci racconta oggi @leggoit possa dare motivate ragioni di questa scelta. Che comunque non condivido“.

Ho iniziato a storcere il naso dal “non ha senso“. Mi permetto di dire che ha il sapore di un tiepidissimo eufemismo in quanto a stigmatizzazione dell’inqualificabile fatto.

Ma poi continua e chiede addirittura le “motivate ragioni di questa scelta“.

Signora ministra, non si tratta di una “scelta“, ma di un atto indegno della Repubblica, quindi di una società fondata su una Costituzione che non divide i territori in base alla classe di appartenenza ma quelle differenze di classe – pur vivendo nel capitalismo – cerca di attenuarle partendo dalla forma e arrivando alla sostanza. Per quanto possa fare un testo in linea di principio, ammesso che venga applicato.

Si deve dire che un fatto del genere è al di fuori delle ragioni costituzionali della scuola della Repubblica e che non si tratta di semplice “non condivisione” da parte della ministra.

Due sono, pertanto, i motivi di adombramento: quanto la scuola ha scritto di sé stessa e quanto la ministra ha scritto in merito al caso, all’ennesimo caso di discriminazione e di pregiudizio anti-sociale.

(m.s.)

Foto di Alicja da Pixabay 

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...