Cannoneggiamenti di ugole

Mi sembra che il miglior antidoto al degrado antisociale, antipolitico, anticulturale e anticivile che questo Paese sta vivendo sia smettere di guardare tutte le trasmissioni televisive dove non c’è...

Mi sembra che il miglior antidoto al degrado antisociale, antipolitico, anticulturale e anticivile che questo Paese sta vivendo sia smettere di guardare tutte le trasmissioni televisive dove non c’è dialettica ma solo scontro premeditato e organizzato. E non solo per gli ascolti pubblicitari.
C’è di mezzo una pianificata disinformazione che ci deturpa le menti e ci abbruttisce, almeno noi che sappiamo essere critici, tenacemente tali contro un sistema economico che volentieri utilizza i peggiori e più bassi istinti delle classi disagiate per gestire le proprie crisi di accumulazione del profitto e di stabilità degli interessi.
Per questo, meglio comperare un quotidiano o leggerlo su Internet e poi formarsi la propria opinione in base a ciò che vediamo ogni giorno intorno a noi. Non a ciò che i “talk show” voglio farci credere e farci dire.
Non facciamoci mortificare da questa barbarie disinformativa.
Pensiamo, rimanendo informati, ma senza voci che danno su altre voci, urla, cannoneggiamenti di ugole che non sono nemmeno d’oro.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...