Ancora sul “velo” islamico

Ieri sera nella trasmissione “Otto e mezzo”, su La 7, uno dei pochi spazi di discussione e non di urla e di voci sulle voci, si parlava di Islam...

Ieri sera nella trasmissione “Otto e mezzo”, su La 7, uno dei pochi spazi di discussione e non di urla e di voci sulle voci, si parlava di Islam e di zone oscure del medesimo nel nostro Paese.
Tra le tante tematiche affrontate, è spuntata la domanda sul confronto con la laicità francese e la decisione di Parigi di vietare il velo in quanto elemento di distinzione religiosa, in contrasto con i princìpi repubblicani di uguaglianza, libertà e fratellanza.
Il punto è sempre lo stesso: libertà e coercizione. Quando una donna è costretta a portare il velo e quando, invece, lo porta volontariamente? E se lo indossa di sua volontà, per libera scelta, è legittimo per un principio di laicismo di stato impedirle di portarlo?
Quindi: fino a dove si può spingere la regolamentazione della libertà comune a discapito di quella individuale?
Sono propenso a ritenere che sia giusto, in uno Stato laico, evitare qualunque manifestazione religiosa che limiti i diritti individuali anche solo potenzialmente.
Ma laicità significa prima di tutto rispetto e non imposizione. Quest’ultima è proprio il contrario del credo religioso stesso: se viene imposto non è fede, ma costrizione.
Quindi, si può provare a venire ad un compromesso tra fondamenta repubblicane laiche ed espressioni religiose: ciò che conta è la libertà assoluta, senza distinzioni di sorta. Qualunque repubblica democratica e laica deve essere garante di ciò: dell’uguaglianza formale e sostanziale dei suoi cittadini. La prima deriva dalla seconda, perché non esiste vera uguaglianza senza vera giustizia sociale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...