Alla ricerca del posto fisso

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento...

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento che si aggiunge al desolante aspetto complessivo del mondo precario e del non-lavoro.
Sembra che il motivo dell’insoddisfazione sia proprio quello che oggi viene definito un’anticaglia, un ferrovecchio del passato… il posto fisso. Ai contratti a tempo determinato, i lavoratori preferirebbero quelli a tempo indeterminato.
Come dare loro torto! E’ una vita che ci battiamo per far rinascere questa voglia, questa propensione a vedere nel lavoro non qualcosa che si può agevolmente (peraltro non è così) cambiare senza pericoli di diminuzione del salario o di irreperibilità di un nuovo posto…
Qualcosa inizia ad emergere… Magari non sarà ancora “coscienza di classe”, ma un po’ di coscienza su ciò che sarebbe meglio è già, per l’appunto, meglio di niente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Ma è solo una pacca sul culo…

    Non è peggio, ma sembra esserlo: il chiedere scusa, il ridimensionare quel gesto, farne una sorta di estemporaneità comportamentale, come se una violenza fisica fosse riconducibile ad un ambito...
  • Ceto medio tax

    Ci speri per un attimo. Che il taglio delle tasse, per una volta, sia – se non proprio di matrice progressista (cosa del resto impossibile con un governo come...
  • Per l’obbligo vaccinale

    Forse è venuto il momento di rivendicare anche i diritti di noi vaccinati. Di persone che, con storie diverse – come è ovvio – ma con un identico fine,...
  • “…potranno trovare applicazione…”

    La direttiva del ministro Lamorgese, che è direttiva del governo intero (a meno che non sia stata contestata, smentita o criticata senza che lo si sia saputo), è un...