Torre Paura

All’intervistatrice che le fa la domanda, la signora di Torre Maura replica: “Ma noi non siamo razzisti. Vede… l’ha ci sono degli alberi che sono caduti e stanno lì...

All’intervistatrice che le fa la domanda, la signora di Torre Maura replica: “Ma noi non siamo razzisti. Vede… l’ha ci sono degli alberi che sono caduti e stanno lì da ottobre. Da ottobre! Qui c’è una dimenticanza nei nostri confronti…”.

Si riferisce al Comune di Roma, ovviamente.

La domanda elementarissima è: “Ma che c’entrano 70 persone di nazionalità italiana e cultura rom con tutto questo?”.

La risposta altrettanto elementarissima è: “Si aggiungono ai problemi del quartiere”.

L’altra domanda meno elementare è: “Ma perché i rom sono un problema?”.

La risposta banale è: “Sì, da sempre: rubano, spacciano… i bambini mendicano… si fregano il rame dalle ferrovie, eccetera, eccetera.”.

Quindi sarebbero un problema. Come lo sono gli italiani che rubano, spacciano, sfruttano i figli per attività criminose e magari ne abusano proprio in famiglia. Nella “sacra framiglia” borghesemente intesa…

Preso atto della banalità del male di nuovo secolo e millennio, continuo a pensare che il problema sia comprendere, davvero sul piano psichiatrico, chi scende in pigiama in strada di notte e tendendo il braccio al saluto romano inneggia contro i rom che vengono portati via da Torre Maura.

Quel nome, “Torre Maura”, per qualche tempo sarà sinonimo più che di razzismo di vera e propria cattiveria e crudeltà. Ed è solo grazie a Simone se non lo sarà per sempre, perché quel ragazzo ci permesso di dire: “Non sono tutti così”. Ci ha permesso di non diventare pure noi “buonisti” dei fascistizzatori, pieni di pregiudizi e convinti che esista ormai solo più l’odio e la persecuzione rispetto al ragionamento e alla comprensione collettiva di ciò che ci accade intorno.

Per questo, ancora una volta, Simone va ringraziato e speriamo di coraggiosi pensanti come lui ne spuntino a bizzeffe in questo Paese malato di sovranismo, di neofascismo e di razzismo.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Sopra-vivere

    In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe...
  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...