Titolo o insulto?

Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
La copertina odierna del quotidiano "Libero"

Questo è “giornalismo”?

La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura personale, vedesse per la prima volta oggidì la copertina che potete vedere qui.

Si sa che i titoli sono soggetti alla legge della sintesi estrema e a volte forzano gli stessi contenuti dei pezzi che aprono: non sempre ciò che un giornalista scrive corrisponde, per l’appunto, al primo impatto che il titolista vuole dare. Il pezzo fa cronaca o opinione. Il titolo fa strillonaggio, sensazionalismo, deve attirare e quindi deve avere in sé una espressione quasi genetica di provocazione. Ma c’è un limite.

C’è un limite tra il titolo che attrae e fa leggere il giornale, come quelli a doppio e triplo senso che ogni giorno fa “il manifesto” (nonché anche altre testate; ma diciamo che il quotidiano comunista brilla ancora come “eccellenza” in tal senso) e il titolo o il catenaccio che sono solo meri insulti, volgarità prive di qualunque attinenza con la funzione pedagogica che deve avere un quotidiano: abituare alla lettura, al ragionamento, stimolare criticamente le menti e non indurre all’odio, al disprezzo, all’anatema.

Se gli italiani pensano che questo è giornalismo, allora non può esservi spazio a commenti.

I nostri sarebbero considerati “pulci” ad un linguaggio “chiaro” e “normale”. Proprio questa normalità è il cuore della questione…

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...