Quel manifesto che resta

Ciò che resta di uomini come Valentino Parlato non sono solo i suoi scritti, che meritano di essere letti e riletti perché sono oggettiva trasposizione mentale dell’esistenze nel ragionamento...
Valentino Parlato

Ciò che resta di uomini come Valentino Parlato non sono solo i suoi scritti, che meritano di essere letti e riletti perché sono oggettiva trasposizione mentale dell’esistenze nel ragionamento e anche percorso diametralmente inverso, quindi analisi calata nella realtà, constatazione oggettiva di ciò che accade intorno a noi ogni giorno.
Ciò che resta di compagni come Valentino Parlato è soprattutto la lotta che è tangibile e che si esprime ne “il manifesto”: una stranezza. Un giornale che è era ed è anche gruppo politico e viceversa. Un esperimento che si propone ancora oggi come leva del pensiero unico, come scardinamento dell’omologazione cerebrale per liberare uno sviluppo mentale pieno, aperto al dubbio e alla critica costante.
La rivoluzione de “il manifesto” vive oggi grazie alla grande battaglia di Valentino Parlato per farlo sopravvivere. Grazie Valentino, questa oggi non è una “stilettata” ma una carezza, un saluto mesto ma sincero per un compagno che abbiamo amato e per il giornale al quale vogliamo ancora molto, molto bene.

(m.s.)

foto tratta dalla pagina Facebook de il manifesto

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...