Pazzi per il caldo

Si dice che d’estate si “impazzisce” di più rispetto a quando il caldo scema e tornano i mesi del fresco prima e del freddo poi. A vedere le cronache...

Si dice che d’estate si “impazzisce” di più rispetto a quando il caldo scema e tornano i mesi del fresco prima e del freddo poi.
A vedere le cronache dei giornali parrebbe vera questa superstizione popolare dettata dal fatto che la calura ci esaspera un po’ tutti e ci fa reagire magari in malo modo per piccole, piccolissime problematiche quotidiane.
La domanda che mi pongo è questa: sarà suggestione quella di scorgere nelle cronache investimenti volontari, ratti di neonati in ospedali, bimbi abbandonati nelle auto-forno parcheggiate, pestaggi di donne, donne uccise perché non avevano lavato i piatti, raid vandalici a statue di magistrati, l’Europa che ci boccia per il deficit…
Ah… scusate. Questa ultima è una normale procedura di infrazione ormai ampiamente sperimentata anche nei mesi autunnali, invernali e primaverili…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...