Orribile e meraviglioso

Vorrei non essere sempre costretto ad osservare con spasmodica curiosità il patologico dell’essere umano. Vorrei poter leggere storie sociali di libertà, vedere sempre più persone ridere e vivere e...

Vorrei non essere sempre costretto ad osservare con spasmodica curiosità il patologico dell’essere umano. Vorrei poter leggere storie sociali di libertà, vedere sempre più persone ridere e vivere e non soffrire e sopravvivere.
Maledirei la mia specie se non avessi avuto l’orizzonte del comunismo, perché mi avrebbe già condotto all’annichilimento, al suicidio nemmeno assistito.
E’ orribile accorgersi di appartenere ad una materia animata e pensante che si autodistrugge e che annienta la grande armonia della natura che la circonda per lo scopo dell’accumulazione del profitto e del potere.
Ma è altresì meraviglioso accorgersi che ogni giorno una passione sociale e politica può salvarci da tutto questo ed elevarci ad un piano così superiore da guardare l’umanità piccola dall’alto di una conoscenza che, comunque sia, rimane dolore.
Dolore per il sapere, prezzo della fine dell’ignoranza di una condizione che rimane, per il resto, completamente inconoscibile.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...