Olly aveva 22 anni

Davide l’ha ucciso un muletto, l’ha ucciso una retromarcia, l’ha ucciso un ribaltamento. Nessuno scampo per un giovane lavoratore di appena ventidue anni. Nessuno scampo se le tue ossa...

Davide l’ha ucciso un muletto, l’ha ucciso una retromarcia, l’ha ucciso un ribaltamento. Nessuno scampo per un giovane lavoratore di appena ventidue anni.
Nessuno scampo se le tue ossa si rompono tutte sotto il peso di un lavoro che apparentemente non è pericoloso ma che può diventarlo.
Davide lo chiamavano “Olly”. Era il suo soprannome amichevole. E ogni volta che c’è un morto di lavoro, sul lavoro, magari poco prima di una pausa, proprio come accaduto a Olly, non possiamo non scrivere: è un moto spontaneo dell’animo, una rabbia mista alla tristezza e viceversa.
Non serve a nulla scrivere, forse solo a sfogare questi sentimenti. Forse può servire a rimarcare questo stillicidio di morti non bianche ma nerissime.
Non c’è giustizia per queste morti. C’è solo l’accompagnamento che chi prova a stare dalla parte dei lavoratori può dare condividendo frustrazione e vuoto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...