Nongioia

Pur nella assoluta avversione politica e anche in parte personale, per indiretta antipatia derivante dalla prima condizione, non riesco a gioire né per la morte di Buonanno e né...

Pur nella assoluta avversione politica e anche in parte personale, per indiretta antipatia derivante dalla prima condizione, non riesco a gioire né per la morte di Buonanno e né per l’operazione al cuore che dovrà subire Berlusconi.
Il primo era un mio nemico, più di un avversario, uno che odiava ogni differenza, un fascista connaturato ancestralmente nella sua nera anima. Il secondo è un nemico che non merita nessun onore delle armi e merita, semmai, la condanna politica e un giudizio sincero ma duro che la storia darà su un regime che ha provato, come fa Renzi oggi, a sovvertire la Repubblica impoverendo i più deboli, scardinando lo stato sociale e i diritti dei lavoratori.
Ma, detto tutto questo, non riesco mai a gioire per le sofferenze di qualcuno. Chiunque sia.
Forse farei un’eccezione per chi già è passato per l’Acheronte: Mussolini, Hitler, Pol Pot, Bokassa, i colonnelli greci, Pinochet, Franco…
Odiare non serve a nulla, pone sullo stesso piano di chi si odia.
Disprezziamoli, è un nobile atteggiamento di etica superiore, di giustizia. Proletaria.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...