Nongioia

Pur nella assoluta avversione politica e anche in parte personale, per indiretta antipatia derivante dalla prima condizione, non riesco a gioire né per la morte di Buonanno e né...

Pur nella assoluta avversione politica e anche in parte personale, per indiretta antipatia derivante dalla prima condizione, non riesco a gioire né per la morte di Buonanno e né per l’operazione al cuore che dovrà subire Berlusconi.
Il primo era un mio nemico, più di un avversario, uno che odiava ogni differenza, un fascista connaturato ancestralmente nella sua nera anima. Il secondo è un nemico che non merita nessun onore delle armi e merita, semmai, la condanna politica e un giudizio sincero ma duro che la storia darà su un regime che ha provato, come fa Renzi oggi, a sovvertire la Repubblica impoverendo i più deboli, scardinando lo stato sociale e i diritti dei lavoratori.
Ma, detto tutto questo, non riesco mai a gioire per le sofferenze di qualcuno. Chiunque sia.
Forse farei un’eccezione per chi già è passato per l’Acheronte: Mussolini, Hitler, Pol Pot, Bokassa, i colonnelli greci, Pinochet, Franco…
Odiare non serve a nulla, pone sullo stesso piano di chi si odia.
Disprezziamoli, è un nobile atteggiamento di etica superiore, di giustizia. Proletaria.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...