Miss Italia

La cattiveria all’ordine del giorno. Gratuita, anzi distribuita con bonus al seguito: per diffonderne altra. Per abbaiare come cani rabbiosi non più in un recinto ma liberi di vagare...

La cattiveria all’ordine del giorno. Gratuita, anzi distribuita con bonus al seguito: per diffonderne altra.
Per abbaiare come cani rabbiosi non più in un recinto ma liberi di vagare per le vie di una indifferenza che si è trasformata da vuoto della mente a ripieno goloso di una pancia fatto di frustrazioni che escono forse per evitare il collasso totale di una singolarità decerebrata da decenni di televisione e di individualismo.
I cani rabbiosi abbaiano e se la prendono sempre con chi è più debole o apparentemente tale.
Perché chi appare debole, per un difetto fisico, per il colore della pelle considerato come un “handicap”, per una idea magari… è invece solitamente molto forte, energico e capace di rispondere a tono al logorio della vita post-moderna (perché vi sarete resi conto, almeno voi pochi che avete la capacità di capire queste righe, che siamo entrati in una fase che moderna non è per niente, se al concetto di moderno associamo sempre naturalmente quello di progresso morale, civile, sociale, economico).
Chiara è una 18enne, disabile, candidata a Miss Italia. Ha una protesi ad una gamba e per questo i cani rabbiosi le scrivono: “Ti votano perché sei storpia”.
Chiara sicuramente ne soffre, ma risponde con sagacia, tono, energia e con tanta voglia di prendersi anche gioco di questi esseri disumani: “A me mancherà una gamba, ma a lei cuore e cervello”.
Applausi, Chiara. Hai già vinto Miss Italia.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...