Lotta di classe e repubblica catalana

La lotta di classe non esclude la lotta dei popoli per la loro autodeterminazione. La Patria non mi appartiene come concetto. Mi interessa l’unità della Repubblica italiana come popolo....

La lotta di classe non esclude la lotta dei popoli per la loro autodeterminazione.
La Patria non mi appartiene come concetto. Mi interessa l’unità della Repubblica italiana come popolo. E non mi sembra proprio che esistano in Italia, a parte i sardi e gli altoatesini, similitudini possibili con la Catalogna.

Sostengono la libertà catalana le organizzazioni anarchiche e comuniste, quelle repubblicane, i sindacati. Quindi non sarà “lotta di classe” in senso stretto del termine, ma è una lotta per la libertà.
E per me, un passo indietro dei poliziotti e uno avanti dei manifestanti è un avanzamento della civiltà, del progressismo.
La Repubblica catalana non è sinonimo di socialismo, ma è una possibilità di far avanzare domani dei diritti che Rajoy e il suo re negano a Barcellona.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...