La vasca

Uno scatto da terza vasca, quando sei ancora in quarta posizione e poi, con una rapidità incredibile sorpassi i primi tre e diventi prima. Come Federica Pellegrini. Così mi...

Uno scatto da terza vasca, quando sei ancora in quarta posizione e poi, con una rapidità incredibile sorpassi i primi tre e diventi prima. Come Federica Pellegrini. Così mi piacerebbe lo scatto delle masse popolari, sfruttate, ipersfruttate e depresse, desolatamente rassegnate ad un oggi quasi impercettibile e ad un domani invisibile (e invivibile).
Uno scatto fulmineo ma dovuto ad anni di preparazione sociale, politica, sindacale. Uno scatto senza la spinta della tattica o della strategia esclusivamente parlamentare, ma con la propulsione derivante dall’istinto sorretto dalla forza.
E a noi mancano un po’ tutti e due: istintualità per agire e forza per determinare. Ma forse resta la passione. E’ poco? Si potrà dire che sono solo parole, che è tutto semplice a dirsi.
Il contrario: è difficile persino a dirsi, figuriamoci a farsi. Ma non possiamo uscire dalla vasca. Ogni rassegnazione, proprio quando tutto ci è contro – soprattutto l’indifferenza della classe sociale cui dovremmo fare riferimento – è tradimento.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...