La repressione giusta

Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti. Non...
Neofascisti a Roma dispersi dalla polizia

Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti.

Non riesco a giustificare e tollerare le manifestazioni che stanno vanificando le misure restrittive introdotte da pochi giorni.

La nuova “strategia della tensione“, messa in pratica da gruppi e partiti neofascisti e genericamente di “estrema destra”, è una eversione che va repressa duramente.

Noi comunisti, i lavoratori, i disoccupati, le categorie varie possiamo manifestare rispettando veramente la democrazia che vogliamo proteggere: farlo vuol dire non mettere a repentaglio la salute di nessuno.

Per questo chi fa spallucce e se ne infischia o è un fascista che disprezza la democrazia e poi va in piazza ad urlare “libertà, libertà“, oppure è un irresponsabile menefreghista.

Democrazia è responsabilità singola e collettiva: rispetto per il lavoro di migliaia di medici e infermieri e operatori sanitari delle croci che sono esausti; rispetto per chi è in ospedale e vive una condizione di solitudine terribile nel contesto di una malattia imprevedibile da caso a caso; rispetto per chi ha fino ad oggi perso amici, parenti e persone care…

Rispetto reciproco, rispetto per sé stessi. Chi non lo mette in pratica è in questo frangente un depensante. Non esiste rabbia sociale possibile che giustifichi quanto sta avvenendo nelle piazze d’Italia.

(m.s.)

foto: screesnshot

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Storia a storia

    Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...
  • Mascherina in fumo

    Plaudo ai sindaci che vietano il fumo per strada in questa fase pandemica. Più si abbassano le mascherine e più il virus potenzialmente circola. Almeno i tabagisti fossero mossi...