La repressione giusta

Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti. Non...
Neofascisti a Roma dispersi dalla polizia

Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti.

Non riesco a giustificare e tollerare le manifestazioni che stanno vanificando le misure restrittive introdotte da pochi giorni.

La nuova “strategia della tensione“, messa in pratica da gruppi e partiti neofascisti e genericamente di “estrema destra”, è una eversione che va repressa duramente.

Noi comunisti, i lavoratori, i disoccupati, le categorie varie possiamo manifestare rispettando veramente la democrazia che vogliamo proteggere: farlo vuol dire non mettere a repentaglio la salute di nessuno.

Per questo chi fa spallucce e se ne infischia o è un fascista che disprezza la democrazia e poi va in piazza ad urlare “libertà, libertà“, oppure è un irresponsabile menefreghista.

Democrazia è responsabilità singola e collettiva: rispetto per il lavoro di migliaia di medici e infermieri e operatori sanitari delle croci che sono esausti; rispetto per chi è in ospedale e vive una condizione di solitudine terribile nel contesto di una malattia imprevedibile da caso a caso; rispetto per chi ha fino ad oggi perso amici, parenti e persone care…

Rispetto reciproco, rispetto per sé stessi. Chi non lo mette in pratica è in questo frangente un depensante. Non esiste rabbia sociale possibile che giustifichi quanto sta avvenendo nelle piazze d’Italia.

(m.s.)

foto: screesnshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...