La libertà e la paura

Ha ragione il Capo dello Stato: “La sovranità è degli elettori”. Le ingerenze indebite sui temi del referendum costituzionale, però, sono degli Stati Uniti d’America e del loro ambasciatore...

Ha ragione il Capo dello Stato: “La sovranità è degli elettori”. Le ingerenze indebite sui temi del referendum costituzionale, però, sono degli Stati Uniti d’America e del loro ambasciatore in Italia.
La sovranità popolare non è un elemento meramente tecnico. Eppure rischia di diventare una qualità politica deformata da espressioni che spingono verso una scelta che non penalizzi, a dire dell’ambasciatore, i rapporti tra Italia e Usa magari in materia commerciale, economica.
Quando si afferma che scegliere il SI’ consente di mantenere dei canali aperti con gli Usa e una “stabilità” democratica ed economica favorevole a queste strade di confronto, si dà, ovviamente, per scontato e si induce a pensare che la vittoria del NO provocherebbe chissà quale catastrofe.
E’ una bella tecnica, quella già usata e sperimentata: provocare la paura per spingere ad una scelta obbligata anche se apparentemente democratica e… sovrana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...