La Cina, il Milan e il comunismo scomparso

Qualcuno sostiene, più che altro in chiave ironica, che Silvio Berlusconi ha venduto il Milan ai comunisti. I cinesi, infatti, sono formalmente una nazione che si richiama ancora al...

Qualcuno sostiene, più che altro in chiave ironica, che Silvio Berlusconi ha venduto il Milan ai comunisti. I cinesi, infatti, sono formalmente una nazione che si richiama ancora al comunismo. Non si sa bene a quale comunismo si richiami, visto che si tratta di un paese che viaggia a velocità turbo-capitalista, ma basta conservare nel proprio simbolo di partito-stato e di stato-partito la cara falce e martello per essere classificabili ancora come comunisti.
Ciò vale anche per i liberali: molti pensano di essere tali e, invece, sono liberisti.
Alcuni si definiscono liberali, libertari e liberisti insieme: un trittico tutto radicale, incomprensibile su un piano di sintesi e quindi di condivisione di valori morali e di piattaforme materiali e politiche eufemisticamente classificabili come “antitetiche”.
L’antitesi vale anche per il Milan venduto ai “comunisti”. Ironia o non ironia, oggi è difficile poter dire se esiste ancora al mondo uno “stato-comunista”. Definizione che mi provoca un prurito simile a quello dell’orticaria. Che il comunismo possa diventare e rimanere uno “Stato”, quindi un apparato di potere è già la morte del comunismo, del movimento che può rivoltare il mondo.
Che la Cina, poi, sia erede di una forma di socialismo applicato, di un tentativo anche nobile e importante di far uscire da un medioevo millenario un popolo vissuto in schiavitù e servaggio dalle campagne alle città, è tutto sacrosantamente vero.
Ma che ora Berlusconi, dopo l’amicizia con Putin, diventi nuovamente “amico dei comunisti” per la vendita del Milan ai cinesi, è una operazione di bassa ironia, di ironia semplicistica e quasi banale in quanto scontata.
Capitalisti e capitalisti: italiani e cinesi. Hanno trattato per acquistare un prodotto che sta sul mercato e hanno trovato un accordo.
Non c’entra niente Mao, il comunismo e nemmeno la falce e martello. Il primo è morto, il secondo non sta molto bene e la terza è lì a simbolo di un passato che è troppo, purtroppo, passato.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...