Il terremoto delle unioni civili

Prima il Vaticano e poi Radio Maria stessa hanno condannato e sospeso il teologo che ha sostenuto una correlazione di causa ed effetto tra la legge sulle unioni civili...

Prima il Vaticano e poi Radio Maria stessa hanno condannato e sospeso il teologo che ha sostenuto una correlazione di causa ed effetto tra la legge sulle unioni civili e i fenomeni sismici avvenuti in centro Italia.
La vergogna ha prevalso sul catechismo, sul magistero della Chiesa.
Però, penso, a padre Giovanni che ha pronunciato quelle frasi non toccherà mai la condanna che ebbero Giordano Bruno, Galileo Galilei e, da ultimo, Welby, colpevoli soltanto di dire la verità?
La vergogna della Chiesa è apprezzabile, eppure è vergogna in qualche modo anche “politica”: paura di perdita di fedeli. Li chiamano “fratelli terremotati”.
E siccome in teologia si danno solo risposte e mai si accettano domande, sarebbe interessante sapere chi detiene la verità sui “fratelli terremotati”: puniti da dio per la legge sulle unioni civili?
E perché mai solo l’Umbria e le Marche? Perché non tutta la nazione?
Caro padre Giovanni, lei sarà anche un teologo, quindi un uomo abituato a dare sempre risposte e a non accettare mai domande sulla specificità di dio, ma si faccia una domanda e si dia una risposta una volta tanto. Forse le si aprirà davanti un nuovo modo di riflettere. Forse conoscerà la riflessione, conoscerà il pensiero. Quello libero perché solo personale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...