Foibe, oltre gli insulti e il cinismo dei numeri

Qualcuno nel corteo di Macerata ha fatto ironia sulle foibe con canti di scherno. Un atteggiamento che disapprovo e condanno come gesto stupido. Spero che facciano altrettanto coloro che...

Qualcuno nel corteo di Macerata ha fatto ironia sulle foibe con canti di scherno. Un atteggiamento che disapprovo e condanno come gesto stupido.
Spero che facciano altrettanto coloro che nei loro partiti e movimenti hanno chi afferma che gli italiani erano tutta brava gente che non aveva niente a che fare con Pavelic, che non avevano fascistizzato le province slovene e croate della Jugoslavia, che non avevano costretto, con la violenza, nessuno a parlare una lingua che non era la loro, che non abbiamo mai fatto niente di male… che eravamo solo vittime.
Purtroppo la guerra fa uscire sempre il peggio da un inconscio antisociale che macera dentro le nostre torbide e carsiche (è proprio il caso di dirlo) ancestralità disumane.
E la guerra fa emergere vecchi rancori che parevano magari sopiti. E quando chi ti ha perseguitato per venti e più anni viene sconfitto e la sua dittatura militare crolla, travolta proprio da quella guerra che Gramsci aveva “profetizzato” come valanga contro il fascismo, allora è inevitabile che qualche vittima innocente vi sia.
La retorica revisionista ha unito esuli e vittime delle foibe in un unico calderone: così è stato molto facile dire che 350.000 italiani sono stati vittime delle foibe e dell’esodo.
In realtà le vittime accertate, gli “infoibati” sono circa 500. Non lo sostengo io ma lo affermano i fatti che si possono leggere nei testi di storici e giornalisti che hanno studiato una vita l’argomento del confine labile dell’Est italiano.
A proposito, consiglio il testo di Claudia Cernigoi: “Operazione Foibe, tra storia e mito“, ed. Kappa Vu.
Senza il cinismo apparente dei numeri, basta stare ai fatti e, dopo, attribuire alla scienza storica ciascuno le proprie valutazioni politiche, quindi anche morali.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...