Disinformazioni internettiane

Il 70% della popolazione italiana attiva su Internet sostiene di cercare notizie e informazioni proprio sulla rete. La televisione ormai è stata superata dalla navigazione attiva, dalla acquisizione diretta...

Il 70% della popolazione italiana attiva su Internet sostiene di cercare notizie e informazioni proprio sulla rete. La televisione ormai è stata superata dalla navigazione attiva, dalla acquisizione diretta per motu proprio.
Sarebbe anche un elemento positivo perché porterebbe a pensare che c’è desiderio e voglia di conoscenza e, pertanto, maggiore approfondimento nella lettura tanto di argomenti di stretta attualità quanto di natura differente.
Invece, spesso la navigazione su Internet è fuga dalla cultura, è approssimazione informativa, è leggere i titoli e imbattersi per la gran parte in “fake news”, in notizie false che sembrano non essere così “palesi”. Traggono in inganno e amplificano dicerie che sono tempeste in confronto al venticello delle calunnie.
Ma la via più veloce e immediata è per l’appunto quella della banalizzazione di fenomeni che andrebbero studiati a fondo.
Invece la rete è divenuta un luogo dove grandi multinazionali cercano la vendita di grandi spazi pubblicitari a scapito della corretta informazione: esistono migliaia di siti Internet creati per fare soldi con articoli volutamente strillati con titoli ingannevoli.
E moltissimi ci cascano. Dichiarano morto il tale attore mentre è ancora vivo, vegeto e in perfetta salute. E’ l’arte del “condividi” e del “copia e incolla”. Strumenti utili, usati male.
Lo studio richiede sforzo e concentrazione. Una società veloce non si può permettere di far perdere tempo alle persone su ponderazione e analisi quasi metodologicamente scientifica dei fatti.
Meglio affidarsi al “sentito dire”, meglio non domandarsi le fonti di una notizia… Goebbels ne sarebbe entusiasta!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...