Da che parte sta l’ANPI?

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo...

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo e la xenofobia diffusi tra la popolazione.
Lo comprendo nella misura in cui penso ad un’ANPI che recepisce certi input e certe pressioni in merito al posizionarsi su un determinato piano politico.
Ma l’ANPI deve rispondere soprattutto a due differenti piani di valutazione dei fenomeni che accadono: civile e sociale. Sul piano civile si determina anche il giudizio su quanto si sviluppa sul terreno della mera socialità che, dovrebbe essere evidente, non è seconda in quanto importanza rispetto a civismo e politica propriamente detta.
Per questo credo che l’ANPI si trovi oggi ad un bivio ancor più che in passato e che debba scegliere se vuole essere al fianco degli antifascisti tutti o se preferisce un ruolo di vicinanza alla linea di condotta dettata dalle istituzioni che di volta in volta cambiano.
Ma la morale antifascista non cambia e quindi, forse, sarebbe bene che una associazione che è erede della storia e della cultura della Resistenza partigiana non avesse più dubbi in merito e diventasse così evidente la sua “partigianeria” da impedire a qualunque governo di avere dei dubbi se chiedere o meno all’ANPI da che parte stare.

(m.s.)

foto tratta da Patria Indipendente

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Ma intanto sono muti…

    Dunque pare deciso: le acque radioattive usate per raffreddare la centrale nipponica di Fukushima saranno riversate nell’Oceano Pacifico. Secondo il governo di Tokyo è la migliore soluzione possibile: i...
  • Concetti semplici

    Chiarezza, chiarezza sui vaccini. Su benefici e rischi. Le interviste di virologi rassicurano. Rassicuriamoci. Intanto le domande, i dubbi però diventano una tempesta cerebrale: fidarsi, non fidarsi? Affidiamoci ai...
  • Una minestra di sassi

    Lagarde: «La BCE ha una batteria di strumenti eccezionali da usare». Visti i precedenti, c’è da preoccuparsi nell’ascoltare queste parole. Nel peggiore dei casi è una batteria di cannoni...
  • Ucci, ucci

    Ma sì, forse è meglio, così ci si distrae un po’ dalla dura realtà dei tempi, dal flusso continuo di notizie desolanti sulla guerra dei vaccini, sulle esportazioni e...