Da che parte sta l’ANPI?

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo...

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo e la xenofobia diffusi tra la popolazione.
Lo comprendo nella misura in cui penso ad un’ANPI che recepisce certi input e certe pressioni in merito al posizionarsi su un determinato piano politico.
Ma l’ANPI deve rispondere soprattutto a due differenti piani di valutazione dei fenomeni che accadono: civile e sociale. Sul piano civile si determina anche il giudizio su quanto si sviluppa sul terreno della mera socialità che, dovrebbe essere evidente, non è seconda in quanto importanza rispetto a civismo e politica propriamente detta.
Per questo credo che l’ANPI si trovi oggi ad un bivio ancor più che in passato e che debba scegliere se vuole essere al fianco degli antifascisti tutti o se preferisce un ruolo di vicinanza alla linea di condotta dettata dalle istituzioni che di volta in volta cambiano.
Ma la morale antifascista non cambia e quindi, forse, sarebbe bene che una associazione che è erede della storia e della cultura della Resistenza partigiana non avesse più dubbi in merito e diventasse così evidente la sua “partigianeria” da impedire a qualunque governo di avere dei dubbi se chiedere o meno all’ANPI da che parte stare.

(m.s.)

foto tratta da Patria Indipendente

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...