Contro i vergognisti

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è diventato possibile.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanti tabù sono saltati.
Così avete potuto dirvi socialdemocratici, socialisti ancora una volta, riformisti, dediti al governo.
Avete tradito ideali di gioventù e prospettive più o meno rivoluzionarie. Almeno quelle dentro voi.
E la parola è diventata vergogna prima per voi e poi per gli altri.
Voi l’avete resa tale. Però, almeno, non l’avete più sulla coscienza.
La teniamo noi volentieri sulla nostra. Ci pesa dolcemente, ci riempie la vita.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...
  • Chiosa

    Tutti d’accordo, dunque. Il mondo è con “l’acqua alla gola” e ha gli anni, forse i decenni contati per arrivare a quel “punto di non ritorno” da cui poi...