Contro i vergognisti

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è diventato possibile.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanti tabù sono saltati.
Così avete potuto dirvi socialdemocratici, socialisti ancora una volta, riformisti, dediti al governo.
Avete tradito ideali di gioventù e prospettive più o meno rivoluzionarie. Almeno quelle dentro voi.
E la parola è diventata vergogna prima per voi e poi per gli altri.
Voi l’avete resa tale. Però, almeno, non l’avete più sulla coscienza.
La teniamo noi volentieri sulla nostra. Ci pesa dolcemente, ci riempie la vita.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...