Contro i vergognisti

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è diventato possibile.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanti tabù sono saltati.
Così avete potuto dirvi socialdemocratici, socialisti ancora una volta, riformisti, dediti al governo.
Avete tradito ideali di gioventù e prospettive più o meno rivoluzionarie. Almeno quelle dentro voi.
E la parola è diventata vergogna prima per voi e poi per gli altri.
Voi l’avete resa tale. Però, almeno, non l’avete più sulla coscienza.
La teniamo noi volentieri sulla nostra. Ci pesa dolcemente, ci riempie la vita.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...
  • La potenza di Tom

    Ci sono immagini davvero potenti, che scuotono dalle fondamenta i più ancestrali drammi umani: quelli che teniamo reconditi, sepolti sotto la coltre di pregiudizi che ci impedisce di guardare...