Contro i vergognisti

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...

E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è diventato possibile.
E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanti tabù sono saltati.
Così avete potuto dirvi socialdemocratici, socialisti ancora una volta, riformisti, dediti al governo.
Avete tradito ideali di gioventù e prospettive più o meno rivoluzionarie. Almeno quelle dentro voi.
E la parola è diventata vergogna prima per voi e poi per gli altri.
Voi l’avete resa tale. Però, almeno, non l’avete più sulla coscienza.
La teniamo noi volentieri sulla nostra. Ci pesa dolcemente, ci riempie la vita.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...