Commentatori

Noi siamo solo dei commentatori di ciò che avviene nel Palazzo. Non ci siamo da più di dieci anni. Per qualcuno è poco importante. Per chi ritiene la Repubblica...

Noi siamo solo dei commentatori di ciò che avviene nel Palazzo. Non ci siamo da più di dieci anni.
Per qualcuno è poco importante. Per chi ritiene la Repubblica un valore e un punto di partenza minimo per uno sviluppo egualitario complessivo, è un dramma.
Un dramma che continua e che ci impone di adottare nuovamente una cultura politica e sociale fondata sulla rappresentanza multipla: sindacale e parlamentare.
La sinistra comunista deve trovare il modo di ripensarsi, di agire non come se fosse un luogo di sviluppo di benevolenza materiale nell’oggi per costruire domani il socialismo, ma come forma strutturata e organizzata di una idea alternativa di società.
Senza coscienza del ruolo politico di ciascuno di noi non può esservi nemmeno ricostituzione e allargamento della coscienza critica sociale, della coscienza “di classe”.
Oggi possiamo applaudire o biasimare altri. Lavoriamo per tornare ad applaudire i nostri deputati e i nostri senatori; lavoriamo per criticare i nostri rappresentanti.
E’ un lavoro lunghissimo. Occorrerà una generazione almeno per riportare la sinistra ad essere quella incarnazione di domanda di uguaglianza espressa sul piano politico.
E’ un lavoro lunghissimo che non possiamo delegare ad altri. Nemmeno ai nostri compagni che ci stanno accanto.
Bisogna pensarsi e sentirsi come gli unici portatori di questo compiti. Gli unici per esserlo tutte e tutti insieme.
Non abbiamo, del resto, più niente da perdere…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...