C’eravamo dimenticati che di lavoro si muore…

Ci eravamo un po’ dimenticati del fatto che ogni giorno si muore anche di lavoro. Un operaio di 27 anni è morto a Taranto in queste ore. E’ stato...

Ci eravamo un po’ dimenticati del fatto che ogni giorno si muore anche di lavoro. Un operaio di 27 anni è morto a Taranto in queste ore. E’ stato investito da un carrello su un nastro trasportatore.
A Roma, quasi nello stesso momento, un operaio dell’Atac moriva folgorato mentre tentava di aggiustare un pantografo.
L’altro giorno è toccato ad Abdesselem El Danaf, investito da un camion della ditta per cui lavorava.
Ci eravamo proprio dimenticati che si muore di lavoro, per il lavoro e nel lavoro.
“O vivremo del lavoro o pugnando si morrà”, cantava Turati un secolo fa… Qui i lavoratori crepano e nemmeno riescono a lottare. Quando ci provano, vengono messi a tacere con repressioni poliziesche e con finte promesse e con il Job act.
Un tempo almeno divenivano nomi e identità da ricordare negli scioperi di massa, generali, a singhiozzo. Oggi tutto tace, nulla si muove e noi continuiamo ad illuderci di vivere in una democrazia. Senza giustizia sociale, senza sinistra, senza comunisti, ma con tanti bravi cantori di odio, populismo e veri cattivi maestri.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...