Buon lavoro, comunque.

Capisco che le telefonate che riceviamo dai call center siano una vessazione quotidiana, un fastidio ineliminabile che porta la nostra sopportazione ai limiti. Anche Giobbe, probabilmente, ne sarebbe in...

Capisco che le telefonate che riceviamo dai call center siano una vessazione quotidiana, un fastidio ineliminabile che porta la nostra sopportazione ai limiti. Anche Giobbe, probabilmente, ne sarebbe in qualche modo irritato.
Eppure non sono mai riuscito ad arrabbiarmi con chi è dall’altra parte (un tempo si diceva “della cornetta”, anche da queste piccole cose si percepisce il passare del tempo…) dello smartphone o del cordless (uso termini inglesi che mi fanno inorridire).
Forse perché so che dall’altra parte c’è una lavoratrice o un lavoratore ipersfruttato. Dopo molti inutili colloqui di qualche minuto, mi viene sempre spontaneo di augurare comunque buon lavoro al malcapitato che ha tentato di vendermi un nuovo contratto telefonico.
Non credo sia un atteggiamento evangelico, tipico del “non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te”. Molto più mestamente e semplicemente penso al lavoro di queste ragazze e di questi ragazzi e non voglio aggiungere nessun elemento di pesantezza a giornate che, indubbiamente, saranno per loro abbastanza logoranti senza che vi si aggiunga qualche mio improperio.
Ed anche ieri, alcune ragazze, pagate in voucher, mettevano dei volantini nel portone di casa mia. Volantini per me inutili. Ma le ho ringraziate ed anche a loro ho augurato buon lavoro. Mi hanno risposto, un po’ sorprese: “Grazie, anche a lei”. Magari.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Storia a storia

    Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...
  • Mascherina in fumo

    Plaudo ai sindaci che vietano il fumo per strada in questa fase pandemica. Più si abbassano le mascherine e più il virus potenzialmente circola. Almeno i tabagisti fossero mossi...