Al di là del Muro c’era soltanto un capitalismo di stato

Nell’ormai passato anniverasio di nascita del PCd’I, c’è ancora qualche comunista che, definendosi tale, pensa di rivendicare il socialismo reale come forma di comunismo applicato o applicabile. Ciò che...

Nell’ormai passato anniverasio di nascita del PCd’I, c’è ancora qualche comunista che, definendosi tale, pensa di rivendicare il socialismo reale come forma di comunismo applicato o applicabile.
Ciò che stava al di là del muro berlinese, dunque, della cortina di ferro churchilliana era bontà per i lavoratori e i proletari.
Ma al di là del muro non c’era il comunismo. Non possiamo lasciare ai teorici del liberismo e del mercato la critica in merito al socialismo reale. Dobbiamo essere in grado di farla noi e di essere quanto più spietatamente critici possiamo per recupare un alto valore dell’etica egualitaria che è alla banse del movimento comunista.
Va detto una volta per tutte: al di là del muro c’era un capitalismo di stato, regimi oppressivi che hanno via via negato, con le loro contraddizioni, la possibile simbiosi tra socialismo e libertà.
Non mi interessa tanto il concetto di “democrazia” modernamente inteso.
Preferirei superare la democrazia con il comunismo, con una società senza bisogno di deleghe popolari a nessun potere.
Mi rendo conto che il salto è complicato anche per certi comunisti che ambiscono ancora a conquistare il potere per cambiare la cose.
Dovremmo conquistare il potere per distruggere il potere. Solo così si farà strada ad un movimento davvero reale e concreto che abolisce, appunto, lo stato di cose presente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...
  • La legge morale

    Può un candiato alla carica di consigliere comunale definirsi “naziskin, negazionista, omofobo, xenofobo“, mostrarsi in plateali saluti romani con alle spalle la bandiera della repubblichina fascista di Salò? Non...