Vero o falso?

Le notizie false, le cosiddette “fake news”, sarebbero un pericolo per la democrazia. Così dicono dalle parti del Partito democratico. Non c’è dubbio sul fatto che se esiste un...

Le notizie false, le cosiddette “fake news”, sarebbero un pericolo per la democrazia. Così dicono dalle parti del Partito democratico.
Non c’è dubbio sul fatto che se esiste un abboccamento generale a queste notizie palesemente rimaneggiate e quindi non vere, intrise di un revisionismo calcolato sulla base dell’inganno di massa, il problema non è tanto delle “fake news” quanto della incapacità culturale e politica della popolazione di saper distinguere il falso dal vero.
Come riconoscerlo?
Anzitutto prendendosi del tempo, verificando le fonti e non credendo a tutto ciò che circola in rete, sulle reti sociali anzitutto.
Magari prima di dare per morto un attore si può dare uno sguardo all’Ansa e vedere se l’agenzia di informazione batte la notizia. Questo almeno per quanto concerne la veridicità dei fatti.
Sull’interpretazione dei medesimi si potrebbe aprire un altro capitolo di discussione che riguarda la sensibilità personale mediata dal tipo di impostazione culturale del singolo calato nella realtà collettiva della vita quotidiana.
Quindi, le “fake news” sono un problema per la democrazia soltanto se un popolo privo di coscienza critica (e di classe) è incapace di distinguere una “bufala” da un ragionamento.
Immagini con sopra pochi slogan non fanno una notizia.
Aprire un giornale, leggere un libro, ascoltare più versioni della stessa storia fa, invece, l’inizio di un ragionamento su una notizia. Così si riconosce il falso dal vero. E viceversa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...