Vero o falso?

Le notizie false, le cosiddette “fake news”, sarebbero un pericolo per la democrazia. Così dicono dalle parti del Partito democratico. Non c’è dubbio sul fatto che se esiste un...

Le notizie false, le cosiddette “fake news”, sarebbero un pericolo per la democrazia. Così dicono dalle parti del Partito democratico.
Non c’è dubbio sul fatto che se esiste un abboccamento generale a queste notizie palesemente rimaneggiate e quindi non vere, intrise di un revisionismo calcolato sulla base dell’inganno di massa, il problema non è tanto delle “fake news” quanto della incapacità culturale e politica della popolazione di saper distinguere il falso dal vero.
Come riconoscerlo?
Anzitutto prendendosi del tempo, verificando le fonti e non credendo a tutto ciò che circola in rete, sulle reti sociali anzitutto.
Magari prima di dare per morto un attore si può dare uno sguardo all’Ansa e vedere se l’agenzia di informazione batte la notizia. Questo almeno per quanto concerne la veridicità dei fatti.
Sull’interpretazione dei medesimi si potrebbe aprire un altro capitolo di discussione che riguarda la sensibilità personale mediata dal tipo di impostazione culturale del singolo calato nella realtà collettiva della vita quotidiana.
Quindi, le “fake news” sono un problema per la democrazia soltanto se un popolo privo di coscienza critica (e di classe) è incapace di distinguere una “bufala” da un ragionamento.
Immagini con sopra pochi slogan non fanno una notizia.
Aprire un giornale, leggere un libro, ascoltare più versioni della stessa storia fa, invece, l’inizio di un ragionamento su una notizia. Così si riconosce il falso dal vero. E viceversa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • 100 sorrisi per Gianni Rodari

    Se penso a Gianni Rodari le prime immagini che mi vengono in mente sono disegni di bambini. Disegni sulle “Filastrocche in cielo e in terra“, trenini azzurri, visetti sorridenti...
  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...
  • La gentilezza è una carezza

    «Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...
  • Decreti di redenzione

    Pare che dopo cinque riunioni al Ministero dell’Interno, finalmente le forze della maggioranza di governo abbiano trovato la quadra per superare l’ignominia dei “decreti sicurezza” di impronta giallo-verde. Ce...